Evento Napoli

Via Concezione a Montecalvario 34, Napoli

SEA AND YOU NAPOLI – 26 APRILE

Il terzo e ultimo evento del Festival SEA and YOU si è svolto a Napoli il venerdì 26 aprile 2024, alle ore 21.30, presso il Teatro Stabile D’Innovazione Galleria Toledo.
Finalmente il progetto co-fondato dall’Unione Europea è arrivato a Napoli per fare il suo terzo e ultimo concerto che unisce Canzone Classica Napoletana, Fado e Flamenco. Scopri di seguito i dettagli di quanto accaduto durante la tappa finale del tour SEA and YOU!

PRIMO GIORNO – L’ARRIVO

Al loro arrivo a Napoli la sera del 24 aprile, gli artisti di Porto e Granada sono stati accolti dallo staff di Napoli e tutti insieme si sono riuniti per la cena al ristorante Pizzeria Annarè: qui hanno assaggiato i piatti tipici della cultura culinaria napoletana, tra cui antipasti fritti misti e una pizza più tradizionale. È stato un primo benvenuto nella città di Napoli.

SECONDO GIORNO – EVENTI ED ESPERIENZE A NAPOLI

La mattina seguente, il 25 aprile, gli artisti si riunirono a Napulitanata per una conferenza stampa. Il coordinatore del progetto e musicista napoletano, Domenico Emanuele Matania, insieme a Jihan come rappresentante degli artisti del Flamenco e Ricardo Pons come rappresentante degli artisti del Fado, ha parlato del progetto SEA and YOU, dell’importanza di questo scambio culturale e della collaborazione e finanziamento della Commissione europea. A loro si è unito Sergio Locoratolo, coordinatore delle politiche culturali del Comune di Napoli, che ha rinnovato il sostegno del Comune al progetto SEA and YOU. Ha espresso la sua gioia, sapendo che le associazioni cittadine si muovono nel contesto europeo e mediterraneo per promuovere la cultura e la coesione tra i popoli.

Dopo la conferenza stampa, tutti gli artisti e i giornalisti hanno assistito alla lezione del professor Pasquale Scialò, musicologo e compositore, che ha parlato delle origini della Canzone Classica Napoletana e dei suoi legami con il Flamenco e il Fado. In particolare, il professore ha sottolineato che nella comunità italiana come in quella spagnola e portoghese il canto, nelle sue varie forme, costituisce un elemento comune che identifica e rafforza il rapporto intimo tra le persone. Inoltre, ha suonato la canzone “Palomma”, una canzone che racconta la triste storia di una donna che si perde per amore. Il suo arrangiamento include la presenza della chitarra portoghese e la citazione di canzoni fado.

Poco dopo, pranzarono nella Galleria Principe con un catering servito da Espresso Napoletano: comprendeva vari tipi di pizze, salumi e mozzarella, insieme ai più tipici antipasti Neapolitani.

Poi, lo staff e gli artisti sono andati per una visita guidata del centro storico di Napoli organizzata da Le Capere. Le Capere è un’associazione nata nel 2016 con l’obiettivo di utilizzare la cultura come mezzo per promuovere lo sviluppo del patrimonio storico e artistico di Napoli. La guida, in spagnolo, ha accompagnato il gruppo attraverso le principali vie della città, tra cui Piazza Dante e Piazza del Gesù. Visitarono anche Santa Chiara e il suo chiostro. La chiesa, progettata dall’architetto e scultore Gagliardo Primario in forme gotiche, fu bombardata durante la seconda guerra mondiale nel 1943 e successivamente restaurata. L’episodio è anche oggetto di una celebre canzone napoletana del dopoguerra “Munasterio ‘e Santa Chiara”, che racconta le paure di un emigrante desideroso di tornare nella sua città ma impaurito di trovarla devastata dalla guerra. Il monastero di Santa Chiara, distrutto dai bombardamenti, diventa così un simbolo dell’angoscia di Napoli e di tutto il paese. Il chiostro, “Chiostro Maiolicato delle Clarisse”, è un raffinato giardino secolare decorato con maioliche di Giuseppe e Donato Massa.

La visita guidata si è conclusa nella Chiesa di Santa Luciella ai Librai. La Chiesa, abbandonata da oltre 30 anni, è stata riaperta grazie alla tenacia e all’opera dell’Associazione Respiriamo Arte nell’aprile 2019. L’Associazione, fondata da giovani gestori culturali napoletani, nasce con l’obiettivo di recuperare il patrimonio storico-artistico della città di Napoli attraverso la tutela e la valorizzazione di luoghi, monumenti che rappresentano pregevoli eredità, spesso abbandonati all’abbandono e al degrado. Qui il gruppo ha appreso del culto locale di venerare l’anime pezzentelle – le anime intrappolate nel purgatorio. Hanno anche avuto la possibilità di vedere il famoso cranio con le orecchie. La leggenda dice che questo teschio unico funge da ponte tra i vivi e i morti, consentendo la comunicazione con i propri cari defunti. La gente crede di poter chiedere a queste anime benedizioni e favori.

Più tardi in serata, lo staff e gli artisti di Porto e Granada hanno partecipato al concerto di musica classica napoletana a Napulitanata. Qui hanno ascoltato la storia dell’associazione e goduto di 1 ora di musica circondati anche da alcuni turisti che hanno preso parte al concerto. Dopo, era il momento della cena.

Sono arrivati al ristorante Al 53, un ristorante di cucina tradizionale napoletana che è inclusivo, slow food e sostenibile: è uno dei 6 ristoranti di Napoli che non usa plastica monouso secondo il sito di Greenpeace, una roccaforte slow food che si approvvigiona di prodotti da amici agricoltori e pescatori e anche un ristorante che ha grande attenzione ai temi dell’inclusività. La cena comprendeva antipasti tipici napoletani, tra cui frutti di mare, insalata di polpo, frittura mista, parmigiana di melanzane e pasta, Patate e provola come piatto principale. È stato un momento di grande divertimento e relax per tutti gli artisti. Hanno anche intrattenuto gli ospiti del ristorante cantando e applaudendo, in un improvvisato spettacolo di fado-flamenco-canzone napoletana classica.

TERZO GIORNO – IL GIORNO DEL CONCERTO

La mattina seguente, venerdì 26, appuntamento a Napulitanata, dove gli artisti hanno fatto alcune prove per la canzone principale del concerto ” ‘O Mare e tu”. Hanno provato un nuovo arrangiamento che poteva adattarsi perfettamente a tutti i generi e gli artisti che la eseguivano.

A pranzo si poteva gustare un tipico cibo da asporto a Napoli, “‘o cuzzetiello”, che è pane pieno di salsa di pomodoro e polpette.
Nel pomeriggio, dopo un po’ di riposo prima dello spettacolo, si ritrovano tutti a teatro, pronti per il soundcheck.

Per quanto riguarda lo spettacolo a Granada e Porto, a Napoli hanno deciso di utilizzare il QR code, attraverso il quale ogni spettatore poteva scaricare il programma direttamente sul suo smartphone. Il programma aveva la spiegazione delle canzoni che gli artisti avrebbero suonato, in inglese e italiano.

E ‘tempo di esibirsi: ore 21:30, il teatro è pieno (299 posti), le luci sono accese, gli strumenti in posizione. Le tende si aprono e lo spettacolo inizia con la performance di Enzo Gragnaniello, l’autore della canzone ” ‘O Mare e tu” che canta e suona la sua versione.

La presentazione del concerto è stata affidata a Gianni Simioli che ha spiegato cosa sono SEA and YOU, un progetto co-finanziato dall’Unione Europea, ha introdotto gli artisti e il loro repertorio. Lo show è stato anche registrato e proiettato in diretta streaming sulla pagina Facebook di SEA and YOU, dove è stato visto da 1064 spettatori.

I primi ad esibirsi sono stati gli artisti portoghesi con il loro Fado, seguiti dagli artisti spagnoli con il Flamenco e infine i padroni di casa, gli artisti napoletani con il loro Canto Classico Napoletano.

Lo spettacolo si è concluso con l’esecuzione su note di ‘O mare e tu’ da parte di tutto l’ensemble, con le voci di Adriana Paquete e Ricardo Monteiro per Fado, Pasquale Pirolli, Emanuela de Rosa, Manuela Renno e Alessandro Colmaier per Canzone Classica Napoletana e Jihan, Nano Cortés e Jara Heredia per il flamenco.

QUARTO GIORNO – L’ULTIMO GIORNO E I SALUTI

Sabato, appuntamento alle 10:30 a Napulitanata per un piccolo raduno: gli artisti hanno condiviso le loro opinioni e i loro sentimenti sul fantastico viaggio appena vissuto e accolto con affetto e scambi di doni.

SEA and YOU sono stati un successo strepitoso! Ognuno porta un pezzo del festival nei loro cuori – l’amore, i ricordi, e un ardente desiderio di una riunione. Non vediamo l’ora di tornare insieme e condividere la magia della musica ancora una volta!

GLI ARTISTI CHE SI SONO ESIBITI

PRESENTATORE DEL CONCERTO
Gianni Simioli
OSPITE SPECIALE
Enzo Gragnaniello
PORTO
Cantante/Fadista: Adriana Paquete
Cantante/Fadista: Ricardo Monteiro
Basso: Ricardo Pons
Chitarra portoghese: André Ovadia Tavares Mariano
Chitarra classica: Rogério Rocha
GRANADA
Voce (flamenco e fusion): Jihan
Chitarra flamenca: Marcos Palometas
Ballo flamenco, claps e voce: Jara Heredia
Flamenco claps e voce: Nano Cortés
NAPOLI
Cantanti: Emanuela de Rosa, Pasquale Pirolli, Alessandro Colmaier, Manuela Renno
Percussioni: Fabio Esposito
Contrabbasso: Giuseppe Arena
Pianoforte: Pasquale Cirillo
Tromba: Antonio Sacco
Fisarmonica: Mimmo Matania
Sassofono e flauto: Donata Greco

IL CONCERTO


IL PROGRAMMA DEL CONCERTO

I TESTI DELLE CANZONI

  • Data : 26 Apr 2024
  • Time : 21:30 - 23:30 (UTC+0)